Fornire le conoscenze per la gestione dell’emergenza a coloro che, lavorando all’interno delle aziende, sono incaricati di attuare le misure di prevenzione incendi, lotta antincendio, di gestione delle emergenze, di evacuazione dei lavoratori e dei clienti/utenti in caso di pericolo grave ed immediato (art.43 comma 9 del D.Lgs. n.81 del 09/04/2008).
La classificazione dei luoghi avviene secondo i criteri di cui all’allegato I al D.M. 10/03/1998

  • CORSO PER ATTIVITÀ A RISCHIO BASSO Rientrano in tale categoria di attività quelle non classificabili a medio ed elevato rischio, nelle quali si fa utilizzo di sostanze scarsamente infiammabili e dove le condizioni di esercizio offrono scarsa possibilità di sviluppo di focolai e non sussistono probabilità di propagazione delle fiamme.
  • CORSO PER ATTIVITÀ A RISCHIO MEDIO come cantieri temporanei e mobili ove si detengono e impiegano sostanze infiammabili e si fa uso di fiamme libere, esclusi quelli interamente all’aperto e i luoghi di lavoro compresi nell’allegato al D.M. 16 febbraio 1982 e nelle tabelle A e B annesse al D.P.R. n. 689 del 1959.
  • CORSO PER ATTIVITÀ A RISCHIO ELEVATO come centrali termoelettriche, impianti e laboratori nucleari, alberghi con oltre 200 posti letto ecc.

Durata:

  1. 4 ore (rischio basso)
  2. 8 ore (rischio medio)
  3. 16 ore (rischio elevato)

Aggiornamento:

  1. 2 ore rischio basso quinquennale 
  2. 5 ore rischio medio quinquennale
  3. 8 ore rischio elevato quinquennale

Normativa:

Art.46 D.Lgs. n.81 del 09/04/2008