Corso di formazione
per preposto

Il D.Lgs. 81/08 ha introdotto l’obbligo formativo per i preposti, ovvero per tutte quelle figure che in azienda svolgono operazioni di garanzia e vigilanza affinché i lavori vengono svolti secondo le norme, con o senza investitura formale e indipendentemente dal potere di spesa.
Si tratta di una formazione particolare e aggiuntiva rispetto a quella per i lavoratori

Corso di formazione
per preposto

Il D.Lgs. 81/08 ha introdotto l’obbligo formativo per i preposti, ovvero per tutte quelle figure che in azienda svolgono operazioni di garanzia e vigilanza affinché i lavori vengono svolti secondo le norme, con o senza investitura formale e indipendentemente dal potere di spesa. Si tratta di una formazione particolare e aggiuntiva rispetto a quella per i lavoratori.

Corso di formazione per preposto

icona-destinatari

Destinatari

Preposti d’azienda

riferimenti-normativi

Riferimenti normativi

D.Lgs n.81/2008 art 19, art.37 comma 7, Accordo Stato Regioni del 21/12/2011, D.Lgs. 106/09

attestato

Attestato

Al termine del corso e dopo il superamento della prova finale, verrà rilasciato un attestato di frequenza valido su tutto il territorio nazionale

sede

Sede

Aula corsi CENTRO SERVIZI SOLDANI SRL Via Aldo Moro 1/A – 56033 Capannoli (PI)

durata

Durata

8 ore

costo

Costo

150 €

aggiornamento

Aggiornamento

Quinquennale

AVETE PIÙ DI 5 DIPENDENTI DA FORMARE?
Richiedi subito un preventivo gratuito per effettuare la formazione a domicilio

Il programma

  • Principali soggetti del sistema di prevenzione aziendale; compiti, obblighi, responsabilità;
  • Relazioni tra i vari soggetti interni ed esterni del sistema di prevenzione;
  • Definizione ed individuazione dei fattori di rischio;
  • Incidenti ed infortuni mancati;
  • Tecniche di comunicazione e sensibilizzazione dei lavoratori, in particolare neoassunti, somministrati, stranieri;
  • Valutazione dei rischi dell’azienda, con particolare riferimento al contesto in cui il preposto opera;
  • Individuazione di misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione;
  • Modalità di esercizio della funzione di controllo dell’osservanza da parte dei lavoratori delle disposizioni di legge e aziendali in materia di salute e sicurezza sul lavoro, e di uso dei mezzi di protezione collettivi ed individuali messi a loro disposizione.

VADEMECUM

Chi è il preposto, secondo l’art. 2 del D.Lgs. 81/08?
«preposto»: persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell’incarico conferitogli, sovrintende alla attività lavorativa e garantisce l’attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa.

Il preposto deve svolgere anche la formazione base per i lavoratori?
SÌ, la formazione per il preposto è aggiuntiva a quella base.

Il preposto deve essere nominato dal Datore di Lavoro?
NO, i preposti sono tali anche “DI FATTO”, senza alcuna “investitura” o nomina ufficiale da parte del datore di lavoro.
Una volta effettuato il corso di formazione aggiuntiva, il preposto deve adempiere agli obblighi sanciti dall’art.19 del D.LGS. 81/08

Quali sono gli obblighi del preposto?
L’art. 19 del D.LGS. 81/08 riporta quanto segue:

a) sovrintendere e vigilare sulla osservanza da parte dei singoli lavoratori dei loro obblighi di legge, nonché delle disposizioni aziendali in materia di salute e sicurezza sul lavoro e di uso dei mezzi di protezione collettivi e dei dispositivi di protezione individuale messi a loro disposizione e, in caso di persistenza della inosservanza, informare i loro superiori diretti;

b) verificare affinché soltanto i lavoratori che hanno ricevuto adeguate istruzioni accedano alle zone che li espongono ad un rischio grave e specifico;

c) richiedere l’osservanza delle misure per il controllo delle situazioni di rischio in caso di emergenza

 e dare istruzioni affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave, immediato e inevitabile, abbandonino il posto di lavoro o la zona pericolosa;

d) informare il più presto possibile i lavoratori esposti al rischio di un pericolo grave e immediato circa il rischio stesso e le disposizioni prese o da prendere in materia di protezione;

e) astenersi, salvo eccezioni debitamente motivate, dal richiedere ai lavoratori di riprendere la loro attività in una situazione di lavoro in cui persiste un pericolo grave ed immediato;

f) segnalare tempestivamente al datore di lavoro o al dirigente sia le deficienze dei mezzi e delle attrezzature di lavoro e dei dispositivi di protezione individuale, sia ogni altra condizione di pericolo che si verifichi durante il lavoro, delle quali venga a conoscenza sulla base della formazione ricevuta;

g) frequentare appositi corsi di formazione secondo quanto previsto dall’articolo 37.

Ci sono delle sanzioni per il preposto?SÌ, arresto fino a due mesi o ammenda da 438,40 a 1.315,20 euro per la violazione dell’art. 19, co. 1, lett. a), c), e) ed f), arresto fino a un mese o ammenda da 219,20 a 876,80 euro, per la violazione dell’art. 19, co. 1, lett. b), d) e g).

Ci sono delle sanzioni per la mancata formazione del preposto?
SÌ, le sanzioni previste ai sensi dell’art. 55 co. 5 lett. C del D.LGS 81/08 sono:

Sanzioni per il datore di lavoro: arresto da due a quattro mesi o ammenda da 1.315,20 a 5.699,20 euro.

Per ulteriori domande e delucidazioni non esitare a contattarci, chiamaci allo 0587-607201 o inviaci una e-mail a info@centroservizisoldani.it

Altri corsi

Inizia a digitare e premi Invio per cercare