In News

(Piano Nazionale Impresa 4.0)

Caro imprenditore,

hai formato i tuoi dipendenti nel corso del 2020 su almeno uno di questi argomenti?

big data e analisi dei dati;
cloud e fog computing;
cyber security;
simulazione e sistemi cyber-fisici;
prototipazione rapida;
sistemi di visualizzazione, realtà virtuale (RV) e realtà aumentata (RA);
robotica avanzata e collaborativa;
interfaccia uomo macchina;
manifattura additiva (o stampa tridimensionale);
internet delle cose e delle macchine;
integrazione digitale dei processi aziendali.

Se sì

– Lo sai che puoi già recuperare in credito d’imposta il 50% del costo orario lordo di ciascun dipendente, per il totale delle h che è stato in formazione?
– E lo sai che puoi farlo da subito? Già a partire dal 2021.
– E questo vale sia se lo hai formato esterna presso un’Agenzia formativa accreditata dalla ns Regione, sia nel caso tu abbia organizzato internamente alla tua azienda la formazione in questione, con docente te stesso, un tuo dipendente o un formatore esterno.
– E non soltanto: puoi recuperare, sempre in credito d’imposta al 50%, anche le spese di docenza e di consulenza inerenti il percorso formativo.

Se non l’hai fatto,

sappi che la formazione 4.0 è uno dei principali strumenti con cui puoi migliorare e incrementare le competenze dei tuoi dipendenti, con un valore aggiunto che potrà segnare davvero la differenza sul mercato. Digitalizzare la tua azienda, portarla nella dimensione 4.0 è l’unica strada che hai per darle stabilità, farla continuare o tornare a crescere, innovarla veramente senza farsi schiacciare dalla concorrenza.
E soprattutto sappi che nel 2021, se finalmente deciderai di intraprendere questa strada, la misura è estesa anche a questo anno, e quindi dal 1° gennaio 2022 potrai andare a recuperare le spese in formazione 4.0 che sosterrai nel 2021 (sempre al 50% del totale delle spese ammissibili).

Non dovrai preoccuparti di niente a livello operativo, pensiamo a tutto noi:

– relazione del progetto formativo con analisi di contesto (interna e esterna all’azienda) e indicazione di obiettivi d’apprendimento, conoscenze, capacità, ecc…;
– registri didattici/fogli di presenza
– materiale didattico (slide, dispense)
– dichiarazione del raggiungimento degli obiettivi d’apprendimento (da parte del legale rappresentante)
– attestazione del revisore legale per la certificazione delle spese
– dichiarazione dei redditi con indicazione dell’importo portato in compensazione.

Vieni a trovarci se pensi possa interessarti, capirai che non è affatto difficile accedervi.

Tu pensa soltanto a come puoi innovare la tua azienda proiettandola nel futuro, noi pensiamo a come farti recuperare i costi di questo investimento irrinunciabile.

Recent Posts

Inizia a digitare e premi Invio per cercare